Revisione Legale, assistenza in operazioni straordinarie,
amministrazione e liquidazione di aziende,
patrocinio nel contenzioso tributario.

Ricorso per CASSAZIONE

RICORSO EX ART. 62, D. LGS. 31 DICEMBRE 1992, N. 546

Nell’interesse di: ……….
rappresentato e difeso dall’Avv. ………. (ammesso al patrocinio davanti alle Superiori Giurisdizioni), in forza di procura speciale in calce al presente atto, elettivamente domiciliato in ………., ………. nello studio e presso la persona dell’Avv. ………;

CONTRO

L’AMMINISTRAZIONE DELLE FINANZE DELLO STATO, in persona del Ministro in carica, rappresentata e difesa ex lege dall’Avvocatura Generale dello Stato (via Dei ________ 12, Roma)

PER LA CASSAZIONE

della decisione della Commissione Tributaria Regionale di ….., n. …., in data ……

FATTO

Con avviso di accertamento notificato in data ………., l’Ufficio ………. ……….
Con sentenza in data ……, n. ….., la Commissione Tributaria Provinciale di ……
Con la gravata sentenza la Commissione Tributaria Regionale di ……..

DIRITTO

Il presente ricorso si fonda sui seguenti motivi (art. 360 c.p.c., nn. Da 1 a 5) …..

P.Q.M.

Il Sig. ………., come sopra rappresentato e difeso

CHIEDE

a Codesta Ecc.ma Corte Suprema la cassazione della decisione impugnata, con ogni consequenziale provvedimento e con condanna dell’Amministrazione delle Finanze dello Stato, alle spese del presente giudizio ed altresì di quelli precedenti.

Si depositeranno:

 

1 – copia autentica della decisione;
2 – fascicolo di primo e secondo grado;
3 – istanza ex art. 369 c.p.c.

 

Roma, lì ……………

Sottoscrizioni e delega
……………………………………….

 

QUANDO E’ POSSIBILE RICORRERE PER CASSAZIONE: ex art. 360 c.p.c.

 

Le sentenze pronunciate in grado d’appello sono impugnabili con ricorso per Cassazione solo per i seguenti motivi:

 

– motivi attinenti alla GIURISDIZIONE;

– violazione delle norme sulla COMPETENZA, quando non è prescritto il regolamento di   competenza;

– violazione o falsa APPLICAZIONE di norme di diritto e dei contratti o accordi collettivi 
nazionali di lavoro;

NULLITA’ della sentenza o del procedimento;

– omessa, insufficiente o contraddittoria MOTIVAZIONE circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio.